Nessuna preghiera, nessun credo, rendono l'uomo più devoto quanto la solitudine d'un bosco che stormisce al vento, o la libera vicinanza al cielo sulle vette dei monti
Julius Kugy

domenica 21 marzo 2021

Cima di Mezzo

Un pò a causa della primavera, un pò a causa del periodo che viviamo, un pò a causa di Tigro che viene a reclamare la sua libertà ad ore antelucane, è da qualche giorno che la voglia di alzarmi presto la mattina, per andare a fare quello che mi piace, gioca a nascondino. Fondamentalmente credo di essere pigro nel profondo di me stesso. Anche se probabilmente è una scusa per bilanciare la voglia di far fatica, il desiderio di andare a cercare difficoltà inutili, di amare il rischio sottile. Una sorta di algoritmo psicologico per restare nella media. Calcoli. Calcoli che vanno all'aria all'improvviso appesa scivoli fuori dalle coperte. Appena sali in auto e punti verso il cuore, verso l'essenza della vita che ami.
E' con questo algoritmo che elaboro il messaggio di Nadia, a metà settimana., per il sabato:
"partenza alle 5.00, arrivo al Tolazzi alle 7.00, Marinelli alle 9.00, Cima di mezzo alle 11.30" 

giovedì 4 marzo 2021

Sentiero dell'acquedotto, salendo a Cima Valfredda

“I sentieri sono narrazioni su esseri umani che andavano a piedi. 
Hanno un inizio, un centro e una fine. Puntano in avanti, verso la meta, ma anche all’indietro, verso tutti coloro che li hanno percorsi prima di noi, fino alla persona che vi ha lasciato la prima orma." 
(Torbjørn Ekelund, autore del libro Storia del sentiero)

Il gorgoglio dell'acqua che scorre sotto i nostri piedi, ci dice che siamo sul sentiero giusto.


venerdì 19 febbraio 2021

Zouf di Muez...quando le motivazioni son più forti del freddo.

"No! No! No! Io non vengo!"
E' sabato mattina e Gabriele proprio non ne vuole sapere di alzarsi dal letto!
Certo, come ha detto Elena, con il freddo che fa,  oggi ci vuole proprio una forte motivazione!
Per me e Luca è non sprecare una giornata che, nonostante il gelido vento da nord-est, si preannuncia limpidissima! Il dubbio rimane se, la "piccola meta montana" scelta nella lista di Gabriele, sarà o non sarà riparata dalle forti raffiche di vento dalle vicine "sorelle maggiori".


giovedì 11 febbraio 2021

Aria aperta

In questi ultimi tempi stare all'aria aperta ha assunto un significato più profondo e viscerale. Sapere di uscire  dove si vuole e poter respirare a pieni polmoni non è scontato. Tutta una serie di regole ci è caduto, ineluttabile, tra capo e collo, cambiando la vita quotidiana, i rapporti con le persone, ed il rapporto con se stessi.
Essere limitati è necessario in questa situazione, il disagio è inderogabile, e allora si cerca la maniera più fruttuosa per alleviare la tensione, che, inesorabile, si carica col passare del tempo. 
Immobile, per chi è bramoso di azione, di fatica, di emozioni e movimento.
Passano i giorni, passano i colori, a volte si fanno più vividi, a volte si scompongono, perdono di tono, e si fondono nel bianco.
In quel preciso momento il naso fiuta l'aria, le mani si stirano assaporando il movimento libero. La testa si fa meno pesante. l'occhio indugia bramoso. La fatica diventa un bisogno primario, per poter abbattere un limite, che estremo non è, ma che ci apre le porte per la normalità.
La parete che si para dinanzi, nel suo freddo candore, spinge il sangue nelle vene, le mani che serrano le impugnature trasmettono una sensazione di piacere lungo tutto il corpo: e poi finalmente la fatica, la sensazione del vuoto, la mente che si concentra sui movimenti.
Sequenza dopo sequenza, fino a raggiungere la sosta.
Un lungo respiro e lo sguardo che spazia verso l'unico limite dell'orizzonte: una linea aspra di calcare che si staglia di netto contro il turchese del cielo. Potrebbe essere una muraglia opprimente, ma in realtà è una meta da raggiungere.









Passa qualche giorno, la mente è libera, i pensieri guizzano veloci attraverso spazi di nuovo senza limiti.
Di nuovo il bianco, mentre al posto dell'azzurro, si sfilaccia verso il fondovalle un cielo perlaceo.
Di nuovo la fatica, piacevole sensazione che si irradia serenamente lungo il corpo. Le braccia e le gambe spingono sulla neve che scricchiola al passaggio del mattino.
Si sale lungo la strada, inseguendo lo sfibrarsi di un cielo grigio. 
Si sale, spingendo, andando incontro alla fusione del cielo e della terra, dove il sopra ed il sotto si fondono e confondono.
L'aria umida e pesante ci circonda in un abbraccio ovattato e cieco. 
Si sale ancora, indugiando con lo sguardo, provando a indovinare una traccia nel nulla. 
Il passo si ferma, consapevole di star perdendo, a poco a poco la via, . Consci di una piccola sconfitta, una rinuncia che regala il sottile piacere di poter decidere del proprio andare.
Non una cosa da poco.