Nessuna preghiera, nessun credo, rendono l'uomo più devoto quanto la solitudine d'un bosco che stormisce al vento, o la libera vicinanza al cielo sulle vette dei monti
Julius Kugy

mercoledì 26 dicembre 2012

Anello di Pusea

Domenica i tempi sono "ristretti": Ilaria deve essere casa presto.
Ma l'importante è muoversi e passare qualche ora in compagnia...è da un bel po' che non facciamo un giro assieme!
Fissato l'incontro a Gemona per le 8:30, scegliamo il tranquillo anello di Pusea come nostra meta odierna. Assieme a noi anche Diana e Federica.
Raggiunto Cavazzo Carnico, imbocchiamo la stradina che porta "Al Pescatore" e ci ritroviamo in una piccola "Siberia"!!!! Qua il sole non passa da un bel po', la strada è ancora innevata e pinnacoli ghiacciati decorano le pareti rocciose che ci circondano! Se fossero più grandi e consistenti sarebbero il parco giochi di Luca!



domenica 23 dicembre 2012

Ice-plorando

Sabato mattina a zonzo per le Giulie a vedere le condizioni del ghiaccio. Prima rapido giro a cave del Predil: i buoni propositi ci sono, ma manca ancora un pò per salire. Io e Giovanni risaliamo in auto, direzione Passo Vrsiç.
Salendo i tornanti ci guardiamo in giro cercando l'oro bianco! E ne troviamo in discreta quantità.
Optiamo per la zona del Prisojnik e parcheggiata l'auto al Koca Na Gozdu imbocchiamo l'Hanzova Pot, per poi deviare verso l'ampia conca sotto il Prisojnik.


martedì 11 dicembre 2012

Sorseggiando the sullo Jouf di Maniago

La domenica si presenta decisamente meglio del giorno prima e mi dispiace un po' per Luca, salito ieri con un tempaccio sull'Amariana.
L'idea è di un giro breve, non faticoso e panoramico, vista la bella giornata di sole che ci attende: la decisione cade sullo Jouf di Maniago, "salito" anni fa con un piccolo Nicholas direttamente in auto! Bisogna perciò rimediare e salirci doverosamente a piedi questa volta!
L'incontro è per le otto a Dignano e poi via, verso Maniago, dove parcheggiamo presso le mura del castello.


lunedì 10 dicembre 2012

Amariana

Le previsioni per il sabato non erano entusiasmanti e così abbiamo rinunciato alla salita in notturna per goderci l'alba in cima. Ci ritroviamo in una mattina grigia che ci regala la neve già in pianura e che non ci fa rimpiangere la decisione.
Con il Pandino di Mauro artigliamo la strada innevata fino in Forchia. Veloci ci prepariamo nel gelo di questa Immacolata e imbocchiamo il sentiero: le neve scricchiola sotto i nostri passi mentre saliamo le volte del sentiero.

lunedì 26 novembre 2012

Oberst Gressel e Senza Confini

Leggere il blog di Gianni mi aveva dato un buon suggerimento per la domenica. Poi l'Osmer prometteva bel tempo sopra quota millesettecento. La decisione quindi è stata semplice, i compagni si sono trovati subito, senza se e senza ma, pronti alla partenza.
Arriviamo a Paluzza e un piccolo dubbio ci prende: Passo Monte Croce chiuso... ignoriamo in silenzio e passiamo oltre. Laghetti di Timau.. altro cartello.. tabella rossa! Passo Chiuso. Ignoriamo ancora e saliamo. Alla cantoniera un paio di macchine ci rassicurano, arriviamo al passo senza fastidi. La strada è chiusa all'inizio della galleria austriaca.
Ci prepariamo velocemente prima di gelare e partiamo. In breve siamo all'attacco della Oberst Gressel. 


Cuzzer!


"Se fai qualcosa il 24 io ci sono!"
Enrica si "prenota" con due settimane d'anticipo e pure Diana mi fa sapere che è libera per qualche avventura!
Il meteo che ad inizio settimana sembrava volgere al brutto, migliora di giorno in giorno e alla fine, dopo averlo rimandato per molto tempo, decidiamo di salire sul monte Cuzzer, in Val Resia.
Fissata la partenza alle 7:00, raggiungiamo Diana a Gemona e puntiamo verso Resiutta, dove parcheggiamo in un piccolo spiazzo a Lischiazze.

giovedì 22 novembre 2012

Torkofel

Quante volte abbiamo detto che non c'è fretta? Che tanto le montagne ci aspettano? Niente di più veritiero. Con la pazienza di millenni hanno aspettato di esser salite la prima volta. Con la calma hanno visto passare eserciti, pellegrini e viandanti ai loro piedi. Con emozione si son lasciate salire dagli Alpinauti!!
Forse esagero, ma a queste montagne ho rivolto pensieri e desideri di salita come minimo da una decina d'anni e quindi un pò di emozione da parte loro per la prima visita mi piace immaginarla.
Ogni volta che scendevo da Passo Monte Croce Carnico verso Mauthen le guardavo incuriosito e mi ripromettevo di scoprire i nomi di quelle cime. Promessa mantenuta l'estate appena trascorsa, in una libreria di Klagenfurt.
Ma per la salita ci vuole ancora un pò di attesa, tra i tanti progetti e impegni. Poi ci si mette il tempo ballerino, ma alla fine il momento giusto è arrivato.
La discesa verso Mauthen ci regala il primo imponente scorcio sulla nostra meta. Le Gailtaler Alpen si estendono dal Gailberg Sattel a Weisbach e il Torkofel è la seconda cima del gruppo. Raggiungiamo Sankt Daniel e ci inerpichiamo per la stradina che tra boschi e prati ci porta alla chiesetta di Goldberg, da cui parte la forestale che raggiunge l'altipiano dello Jauken e che nel periodo estivo è percorribile in auto, permettendo di raggiungere senza fatica la Jauken Alm e risparmiando novecento e rotti metri di dislivello, che invece noi non ci siamo risparmiati!


domenica 4 novembre 2012

Monte Laura e Sentiero Manuele

Alla fine decidiamo per Casera Bitter. Visto il tempo, almeno arriveremo in un posto asciutto.
Le nuvole serrano i ranghi davanti a noi, pronte a dar battaglia. Grigie e compatte occupano l'orizzonte dal Piancavallo al Monte Nero. Ma si va avanti!
Montereale.. imbocchiamo la lunga galleria che ci porta a Barcis, come ne usciamo un fitto crepitio ci accoglie, partono i tergicristalli e il primo pensiero è "e cumò?", cumò viodin!
Attraversato il paese imbocchiamo lo stretto ponticello e ci addentriamo in Val Pentina. Per me è la prima volta ed è una piacevole scoperta. Non immaginavo un'ampia vallata dietro le pieghe della montagna. Magari con il sole è pure bella.
Raggiungiamo Pian dei Tass, dove lasciamo l'auto dopo aver ricevuto il permesso dal titolare dell'agriturismo.
Gocciola ancora, ma qualche scampolo di grigio chiaro ci fa ben sperare.


lunedì 29 ottobre 2012

Zacchi...tra fiocchi di neve e candeline!

Non c'è niente da fare...il fatto di trovarci tutte e quattro assieme per un uscita è un evento così raro e straordinario che ogni volta....viene la pioggia!
E progetti a lungo attesi saltano!


mercoledì 24 ottobre 2012

Monte Spia e dintorni

Quante volte passando per Montereale Valcellina, diretta verso qualche più ambiziosa meta, vedendo quel piccolo monte che lo sovrasta con la sua bianca croce di vetta, ho detto: "un giorno anche te!". 
Quel giorno è domenica, assieme al piccolo Gabriele, alla "santola" Enrica e a Cinzia accompagnata dal suo cagnolino Kiko.


domenica 7 ottobre 2012

Regali d'autunno sul Rancolin

All'inizio sembrava che questo sabato non avrei avuto compagnia per andare per monti.
Dopo una lunga serie di no, la decisione era già quasi presa: una "solitaria" sul Jof di Sompdogna, da tempo in attesa di una risalita.
Poi il "si" felice di Diana e più tardi anche quello di Enrica, all'inizio presa da altri impegni.
E così, fissiamo l'ora di partenza e alle 7:30 lasciamo Gemona, direzione Forni di Sotto e la piccola borgata di San Antonio, che già mi aveva "vista" due anni fa, nel primo tentativo di salita alla meta odierna...il monte Rancolin.


venerdì 28 settembre 2012

giovedì 27 settembre 2012

Blogger Contest 2012

L'invito a partecipare al Blogger Contest 2012 organizzato dalla rivista Le Dolomiti Bellunesi arriva il 27 luglio: ne siamo piacevolmente sorpresi e ci fa un sacco piacere partecipare. Ma cosa scrivere? Il tema è "racconta la tua montagna" .Un argomento che ben conosciamo e dopo un po' di rimuginamenti Luca si mette al lavoro e spedisce il suo articolo.


A concorrere, blogger di tutti i tipi: c'è chi ha scritto e pubblicato libri, amanti della fotografia e dei video, dilettanti come noi e non, tutti con un unica grande passione: scrivere e raccontare la montagna.
E poi, qualche giorno fa, ecco il verdetto della giuria che premia al primo posto, Lorenzo, del blog "Le Cavre", incontrato a Pasquetta in zona Pura. Al secondo e terzo posto bloggers di Belluno, Treviso e Verona. 
In attesa del secondo "verdetto" dato dai lettori, non possiamo che augurare a tutti un "in bocca al lupo"!!!




mercoledì 19 settembre 2012

Boses Weibele

Una cosa che non mi dispiace in Austria sono le strade a pedaggio, che "facilitano" l'avvicinamento e il cui ricavato è utilizzato per la manutenzione della strada stessa e della sentieristica locale. 
Lasciata Lienz, proseguiamo verso Leisach e poco dopo, raggiunto l'abitato di Bannberg, seguiamo le indicazioni per la Hochstaeinhutte, dove appunto, con strada a pedaggio, raggiungiamo un ampio parcheggio presso la Bannberger Alpe. 


martedì 18 settembre 2012

Gioiellini tra i Tauri: Neualplseen

"Today is not the day"
Così ci riferisce, in perfetto inglese, il gentile signore austriaco che, assieme alla moglie, ci ha raggiunte in vetta al Sattelkopfe e che poco prima aveva parlato con un ragazzo che scendeva e che giornalmente percorre questo itinerario.

giovedì 13 settembre 2012

Glödis Spitz

Sarà che le cose belle si devono guadagnare, soffrendo un pò. Sarà che se di tanto in tanto io e Nadia non ci si scorna un pò non siamo mica contenti! Sarà...
Alla fine arriva il Glödis! Arriva partendo dal Dachstein, passando per il Civetta, con una serie di discussioni su lunghezza, dislivello, condite da bronci e sorrisi. In quante altre famiglie si discute per andare a faticare sabato e domenica? Boh!
Il problema non ci tocca e sabato pomeriggio partiamo alla volta della Debanttal. Raggiungiamo Seichenbrunn, dove lasciamo l'auto e subito il Glödis si fa riconoscere, maestoso. Solitario.


martedì 28 agosto 2012

Grosse Laserzkopf

"Potremmo partire alle cinque?"
"Ce robe?"
"Alle sei?? Va ben dai, alle cinque e mezza!!"
Finiva così la serata di venerdì, con Nadia che ancora un po sarebbe partita subito dopo cena.
Cinque e trenta: buongiorno amore! La vedo uscire dal letto, per un momento vorrei perdermi nelle lenzuola .
Dopo un paio d'ore di macchina iniziamo a camminare: lasciamo subito alle spalle la Lienzer Dolomiten Hutte e c'incamminiamo verso la Karlsbader Hutte. Lasciamo la strada per il sentiero e subito la vista che si para davanti a noi mi mette in pace con la sveglia! Il Cervino di Lienz: il Grosse Teplizer ci guarda severo mentre saliamo.


venerdì 24 agosto 2012

Alta Via dei Monzoni, sentiero Federspiel

Durante la salita al Rifugio Vallaccia, mentre facevamo merenda in un bel prato verde tra i larici, col binocolo scrutavo le cime che ci circondavano. Carta alla mano studiavo la bella cresta davanti a noi, mentre Nadia mi spiegava che li sopra correva l'alta via Bruno Federspiel, o alta via dei Monzoni. Percorso aereo in cresta che attraverso vecchi camminamenti di guerra collega la forcella della Costela a Passo Selle.
"Vai a farla domani no?" lancia Nadia. 
L'idea mi tentava. Rimandando la decisione alla sera, ricominciamo la salita verso il rifugio Vallaccia.
Al mattino, dopo un bacio a Nadia, esco dal rifugio poco dopo le sette. Il sole spunta da dietro la Marmolada nell'aria fredda di questo mattina.


Silenzi del Vallaccia

Immaginavo che certe mete sarebbero state molto affollate, l'avevo messo in preventivo.
Ma le code in auto no. Quelle non le avevo preventivate! E trovarsi alle 9:30 a percorrere a passo d'uomo il tratto Soraga-Pozza di Fassa è davvero avvilente! Ma piano piano, arriviamo all'agognato bivio e svoltiamo nella Val San Nicolò: incredibilmente non siamo in molti a percorrere questo tratto e raggiunta la malga Crocifisso, risaliamo la val Monzoni fino al parcheggio. 


giovedì 23 agosto 2012

Nel Labirinto del Latemar

Nemmeno un centimetro libero!
Se avessero potuto avrebbero parcheggiato pure sugli alberi!!!
Così si presenta a noi il Passo Rolle, domenica, primo giorno delle nostre ferie!
La nostra meta odierna erano i laghi di Colbricon: meta che nessuno di noi tre aveva mai visitato. Una meta facile per Gabriele: la stessa cosa che deve aver pensato l'universo di villeggianti che oggi banchettano ai tavoli delle malghe accanto alla strada!!! Ma poi...che li abbiano visti questi laghi??? Mah! Cosa certa è, che dopo il terzo giro alla ricerca di "un colpo di fortuna", decidiamo di lasciar perdere e andare a fare i "turisti" a Moena! Almeno li parcheggi si trovano, anche se sinceramente le "vasche" non sono il nostro forte e poco dopo siamo già stufi di girare a vuoto tra le vie, sotto il sol leone che se in pianura tocca i 40°, qua non ci va molto lontano!!!
Raggiungiamo Soraga e il nostro Hotel, dove pernotteremo per due giorni e dopo una doccia e due passi "in centro", facciamo la felicità di Gabriele scoprendo il "parco giochi" del paese!
L'indomani il sole splende e partiti ad un ora più consona del giorno prima, raggiungiamo il Passo di Costalunga: la meta odierna è il Labirinto del Latemar! 

sabato 18 agosto 2012

Alta Via Gunther-Messner...seconda parte!

L'insistente suono della sveglia dei nostri compagni di stanza ci toglie dalla coltre di Morfeo per immergerci nella coltre grigia che avvolge oggi la Val di Funes. Fatto colazione e salutato gli amici di Bassano del Grappa, alle 7:30 iniziamo la lenta risalita verso il rifugio Genova che ci appare poco dopo come un enorme spettro silenzioso. 


venerdì 17 agosto 2012

Alta Via Gunther-Messner....prima parte!

Mai più!
Pensare di partire il 14 agosto, nella speranza che i vacanzieri abbiano già raggiunto la propria meta è pura utopia! Il fatto che ci sia il tutto esaurito in questa zona ci obbliga però a farlo!
E così martedì, ci ritroviamo a percorrere il tratto San Candido-Dobbiacco a passo d'uomo, con i progetti mattutini che "sfumano" mano a mano che l'ora di arrivo prevista dal navigatore aumenta!
L'idea iniziale era di percorrere oggi l'Alta Via Gunther-Messner partendo dalla Croce dei Reduci, poco dopo il Passo delle Erbe, e l'indomani salire al Sas de Putia, chiudendo l'anello dell'Alta Via GM rientrando con il sentiero che passa a nord delle Odle d'Eores.
Invece ci ritroviamo a fare tutto l'inverso, vista l'ora di arrivo!
E alla fin fine, lo scopriremo dopo, è stato meglio così!!!



La Casa di Rosa

"Setu? Atu cjolt il musciut? Dai chi lin a cjase di Rosa"
Infilato l'uscio di casa, un alito caldo d'asfalto ci accompagna mentre saliamo in auto: ne scendiamo nel fresco soffio dei boschi di Fusine.
"Do esie la cjase di Rosa?" Lassù, indica con il bastoncino Gabriele.
Iniziamo a salire lungo la forestale che porta al rifugio Zacchi e quel bastoncino diventa ora sostegno, ora un aratro, ora un rasaerba.


domenica 12 agosto 2012

Sentiero Marini


"C'è sempre un piano B" (Anonimo)

"Vengo anch'io?" la tentazione di rispondere in maniera colorita è forte, ma mi astengo e anche Stefano fa parte della comitiva: assieme a Raffaele è un ragazzo che dà soddisfazione come compagno di salite.
Si parte per la Via dei Triestini alla Cima dei Preti, via salita dal grande alpinista Giorgio Brunner, gran compagno di Comici negli anni trenta, anni in cui realizza questa gran cavalcata sulla seconda cima delle nostre Dolomiti. Quelle selvagge! Quelle dure da masticare.


martedì 7 agosto 2012

Slemenova Spica...balcone sulle Giulie

Tira un bel venticello al Passo Vrsic!!!
Per fortuna, altrimenti quei duecento metri per raggiungere il Passo Vratca sarebbero un patimento!
Indy tira come al solito, lingua penzolante e fiatone! Luca lo segue comodo...tanto è Indy che tira!
Gabriele sgambetta lentamente e io lo seguo tranquilla....oggi le gambe non vogliono far fatica!



mercoledì 1 agosto 2012

Coston Stella

"E tu che fai li?"
"Dai che c'è il sole e ti scotti! Torna nella tua piccola tana!"
Mentre le parlo continuo a recuperare Davide e scruto l'orizzonte tutt'intorno. Dò un occhio alla corda che, piega dopo piega, si accuccia docile sui miei piedi. E lei è ancora li, sorniona.
"Su, su! Va via, non portar sfiga!, Anzi non portar pioggia!"
Qualche sbuffo grigio sale dal Crostis e dal Cadore, e pian piano prende una preoccupante consistenza, iniziando a volteggiare come un avvoltoio sopra le nostre teste.

Alta Via Bepi Zac

Le previsioni per sabato danno temporali da mezzogiorno in poi e non essendo riuscite la sera prima a convincere il gestore dell'hotel a prepararci una colazione anticipata per le 6:30, dopo varie contrattazioni ci rassegniamo e accettiamo il compromesso delle 7:20. Saldato il conto ci spostiamo al Passo San Pellegrino e alle 8:20 siamo sulla seggiovia Costabella, che ci fa guadagnare 45 minuti sui tempi di percorrenza dell'itinerario di oggi, e perchè no, darà un po' di sollievo alle mie gambe stanche della scarpinata di ieri!





lunedì 30 luglio 2012

Roda de Vael - Cresta del Masarè

Fa caldo!
Tanto caldo! E mentre saliamo a piedi sul sentiero 548, la nuova crema solare mi fa sudare come un cammello, tanto che arrivate al rifugio Roda de Vael la rimuovo e mi rispalmo su quella vecchia, che non sarà eco bio, ma almeno non ti annega!



mercoledì 25 luglio 2012

Panettone

Un pò il meteo, un pò la festa di compleanno dell'Alpinfrut la sera prima, il Panettone del Pal Piccolo è una buona idea per la domenica appena trascorsa. All'attacco siamo io, Max, Stefano e Raffaele.
Il sentiero si fa subito ricononscere e in un lago di sudore ben presto siamo all'attacco dell'Half Dome del But.
Davanti a noi un folto gruppo di tedeschi ci precede e per evitare la folla saliamo la via della Rampa.


Parte Max, fresco di corso per il primo tiro di questa bella via, Il secondo tiro tocca a me: una bella placca bagnata! E mentre sto attento a dove mettere i piedi l'appiglio cede sotto le mani e mi faccio un voletto mentre un bel pietrone vola verso il basso, per fortuna avendo la gentilezza di non centrare i miei amici! Molte Grazie!
Un respiro profondo e riprendo fino in sosta. Max mi raggiunge e dopo averlo rifocillato di frend e dadi parte superando il tetto e infilandosi nella fessura soprastante.
L'arrampicata è divertente, solo la pioggia che avanza minacciosa ci rovina un pò la giornata.
Per fortuna solo qualche goccia ci raggiunge sull'ultima doppia.
Un'ultima roulette russa sul sentiero fangoso ci divide dalla birretta e affrontiamo il rischio a testa alta e, qualcuno, a culo basso!

giovedì 12 luglio 2012

Sù pai crets!

"A che ora hai messo la sveglia?"
"Cinque e mezza"
"Ok, cinque e un quarto"
Le trecce e la preparazione femminile ad un'ascensione richiedono tempo!
Il ritrovo è alle sei e all'appuntamento siamo in tredici: destinazione Cason di Lanza e i calcari della Creta di Aip.





lunedì 9 luglio 2012

Lagazuoi

La sveglia suona alle 6:53!.....ma non l'avevo impostata per le 7:00? Misteri del mio orologio!!!
Dopo essermi addormentata ai primi cinguettii mattutini, (mannaggia,il sonnifero è rimasto casa!!!) mi alzo pigramente e sposto le tende: in cielo nuvoloni si alternano a piccolissimi sprazzi d'azzurro di breve durata! Sprono uno svogliato Nicholas e dopo aver fatto colazione e pagato il conto, alle 8:30 siamo gia presso il parcheggio del Forte Tre Sassi. Osservo il cielo all'orizzonte, che non promette nulla di buono: "arriviamo fino alle postazioni Vonbank e dopo decidiamo" dico a Nik.


sabato 7 luglio 2012

Ritorno al Sas de Stria

C'eravamo stati assieme ad un amico nel 2005, quando Nicholas aveva nove anni, ma non ne avevamo raggiunto la cima, perchè il pargolino, quella volta, si era impanicato su una scaletta e non aveva più voluto proseguire!
Ci torniamo assieme, questa volta da soli, approfittando di una settimana di ferie dal lavoro.
Una due giorni soli soletti, "abbandonando" i Chiarcos a casa, destinazione Dolomiti e quella galleria del Lagazuoi che tanto era rimasta impressa nella mente di Nicholas!!!



venerdì 6 luglio 2012

Il Gran Campanaro

Nonostante Caronte valichiamo il Passo di Monte croce Carnico e volgiamo la prua verso i Tauri, cercando riparo dal carico del traghettatore dell'Ade, senza riuscire a zittirlo come fece Virgilio nella Divina Commedia
"Caron, non ti crucciare:
Vuolsi così colà dove si puote
cioò che si vuole, e più non dimandare".


Il fiato caldo e umido del nocchiero ci accompagna fino alle falde del Campanaro.

lunedì 2 luglio 2012

Toccata e fuga sul Brancot

Enrica lo sa...io pure...quando è libera si fa sentire lei. Ma non sempre, causa impegni o gite gia programmate, riusciamo a far qualcosa assieme. E questo è un periodo incasinato, tra corsi e gite sezionali ma mi dispiaceva non fare qualcosa con Enrica. Forse una piccola finestra...sabato mattina...

venerdì 22 giugno 2012

Rote Wand

Un risveglio dolce è già un buon inizio, se ci aggiungiamo un blu intenso che risplende sul verde della vallata ed un sorriso che ti dà il buongiorno ci si può già ritenere soddisfatti per tutta la giornata. Ci prepariamo con calma e scendiamo nella saletta della colazione, tutta per noi.
Il padrone di casa ci accoglie con un forte buongiorno e intanto ci sediamo a farci coccolare dalla tavole imbandita: come dir di no alla "sweet" colazione che abbiamo dinanzi?
Risaliamo gli ultimi chilometri della Defereggental fino a Passo Stalle e iniziamo la salita. I primi passi ingranano e la colazione si fa sentire per un pò: finchè all'improvviso tutto entra a regime e si va avanti lungo il sentiero che ci porta alla Croda Rossa.


martedì 19 giugno 2012

Grosses Mandl


Doveva essere la due giorni per festeggiare il compleanno di Luca, ma causa meteo avverso e malanni vari l'abbiamo rimandata a questo fine settimana, che come preannunciato si rivela splendido!
Sistemati i pargoli a casa dei nonni, sabato mattina ci mettiamo in viaggio verso Timau e, valicato il Passo di Monte Croce Carnico, raggiungiamo Lienz e proseguiamo verso nord dove presso Huben svoltiamo verso la  lunga e bellissima Defereggental, percorrendola fino al suo termine, il Passo Stalle, dove parcheggiamo nei pressi dell'Obersee, un bel lago blu!
La nostra meta odierna, l'Almerhorn, si fa notare con la sua croce di vetta e ci osserva dall'alto dei suoi quasi 3000 metri!





domenica 10 giugno 2012

Metti un sabato da Rosa e Gianni

Il brutto tempo ci ha preso gusto a presentarsi puntualmente nei fine settimana a quanto pare e un'altra due giorni viene rimandata nella speranza che questa abitudine cessi il prima possibile!
Cosa fare dunque per non buttare a "mare" anche questo fine settimana?
Andare a trovare gli amici Rosa e Gianni, i nuovi gestori del rifugio Zacchi!


domenica 3 giugno 2012

Ragazze...grigliatina?

All'inizio doveva essere una due giorni sulle Prealpi Vicentine.
Ma il fine settimana si avvicina e il brutto tempo, ahimè, assieme a lui!
Iniziamo ad analizzare tutti i meteo del triveneto alla ricerca di una improbabile finestra di bel tempo che all'inizio sembra esserci sulla zona di Sesto ma che alla fine soccomberà pure lei sotto la malefica perturbazione!
Una serie di imprevisti, rotture e malanni vari, ci convincono ad abbandonare definitivamente il progetto e ad escogitare un modo per salvare almeno il sabato!
E alla fine, dopo una serie di scambi telefonici l'idea di passare una tranquilla giornata assieme, in barba al meteo, in una casera dove Ilaria e Diana non sono mai state: faremo una bella grigliatina a casera Colmajer!
Appuntamento alle otto a Gemona e poi via, direzione Ampezzo e Passo Pura, dove parcheggiamo avvolte dalle nuvole!

sabato 2 giugno 2012

Punti di vista

Con lo scorso fine settimana si è concluso il 22° corso di alpinismo organizzato dalla nostra Sezione del CAI. Dopo diversi anni in cui mi occupavo dell'organizzazione con gli Orsi, quest'anno ne sono stato anche direttore. Non pensavo cambiasse poi molto, ma qualcosa di diverso c'è, sale l'attenzione a quel che succede, si ha un maggior piacere a far le cose. Se tutto va bene, alla fin fine, la soddisfazione che tutto è filato liscio te la godi, e si somma al piacere di trasmettere le tue esperienze a chi si avvicina al mondo della verticale.

domenica 20 maggio 2012

Proprio un bel Flop!

"Sabato andiamo via io e te?" mi chiede Luca.
Tra impegni vari, corsi e Gabriele, i giri che possiamo permetterci di fare "soli soletti" sono davvero pochi, perciò mi metto alla ricerca di qualche bel posto dove portare il mio "Orso". Sforno una bella lista ma è solo sabato mattina che la decisione viene finalmente presa dal mio compagno odierno d'avventure montane! Si va sul monte Flop!

lunedì 14 maggio 2012

E Bottai fu!

Il meteo di sabato è messo in peggioramento dal pomeriggio.
Scatta il piano B: posto non troppo lontano con presenza di casera/bivacco nel caso di rovesci  improvvisi.
La volta del Bottai è arrivata!
Fissato l'orari di ritrovo a Gemona, alle sette e trenta partiamo alla volta di Sella Chianzutan: oggi a farmi compagnia ci sono Ilaria, Diana, Elena, Giovanni e la cagnolina Maggie.
Parcheggiate le auto all'inizio della sterrata che porta a casera Avrint, ci mettiamo in cammino chiacchierando allegramente e quando sbuchiamo sul bel pianoro della casera, ci godiamo il bel panorama e la soleggiata mattinata mangiando uno spuntino.



domenica 13 maggio 2012

Il richiamo


E lì che lo senti, a metà tra cuore e stomaco.
Un mix di ansia e dolorosa nostalgia che ti assale quando volgi lo sguardo verso quelle cime che tanto ami o quando il ricordo di passate uscite ti sorprende nel bel mezzo di un lavoro.
E la tua mente vola...

venerdì 4 maggio 2012

"Mani in tasca" all'Avrint

Il programma iniziale di fare un paio di giorni nel Cortinese crolla, sotto il peso dell'inesorabile brutto tempo previsto per il ponte del primo maggio!
Ma non ci arrendiamo e sebbene le previsioni per lunedì 30 aprile non siano splendide, partiamo lo stesso per un giretto con Gabriele, destinazione casera Avrint.

martedì 1 maggio 2012

E il Provagna dice no!

Sarà il caldo torrido, sarà il sentiero sempre ripido, sarà la neve scivolosa e molle o l'intrico di ramaglie e mughi che ci fanno inciampare, ma oggi è chiaro che la cima non la raggiungeremo!

sabato 28 aprile 2012

Casera Tamer Bassa

Un risveglio svogliato dall'aria primaverile, il 25 aprile rischio grosso con Nadia, che avrebbe mal sopportato una giornata "in pianura": alla fine, in tarda mattinata,  partiamo alla volta di Toppo per una passeggiata alle rovine del castello.


domenica 22 aprile 2012

La nuvola del Fara

Il meteo pessimo non da tregua e anche questo fine settimana non lascia molte speranze.
Per sabato è prevista una breve finestra di tempo migliore verso occidente e questo mi fa accettare di buon grado l'invito di Ilaria e Alessandro a fare una piccola uscita assieme a loro.
La decisione di dove andare la prenderemo strada facendo e così, sabato mattina, partiamo con calma e giunti in vista della pedemontana pordenonese, anche se la cima è "momentaneamente" (o così speriamo) coperta da una simpatica nuvoletta, scegliamo di salire al Monte Fara.


sabato 21 aprile 2012

Maternità e montagna


Due lineette rosa!!!
Quel test di gravidanza positivo può segnare la fine o un nuovo modo di andare in montagna.
Per me è un nuovo inizio, avendo gia sperimentato l'andar per monti con un figlio...ma non così...non fin dai primi mesi...dai primi mesi di gestazione!

giovedì 12 aprile 2012

Pasquetta al Pura

Dopo il buon menù Pasquale gustato nell'Impero, una passeggiatina il giorno di Pasquetta è d'obbligo per smaltire eventuali eccessi del giorno prima (che buona la cioccolata delle uova di Pasqua!!!!).
Perciò, dopo esserci alzati con la dovuta calma, lunedì partiamo, direzione Ampezzo e il Passo Pura: si ritenta la casera Nauleni e per Gabriele questa volta solo grissini e crakers per colazione!


venerdì 6 aprile 2012

L'età della pietra

Dopo l'era glaciale, un pò misera a dire la verità, ma pur sempre soddisfacente, ci si catapulta nell'età della pietra, con le scarpette a spalmarsi sulla roccia alla ricerca di ogni leggera imperfezione capace di sostenerci nel salire.
Dopo la prima arrampicata con il corso di arrampicata libera la scorsa domenica siamo saliti in Val Romana, splendida e misteriosa vallata incastonata, alle falde del Mangart, tra la Conca di Fusine e Raibl.

mercoledì 4 aprile 2012

Una passeggiatina alla Sella di Sant'Agnese

Gabriele è dal Vodice che non scarpina!
Così sabato mattina, partiamo tutti e tre alla volta del Passo Pura e della casera Nauleni, ma la nostra rotta viene bruscamente invertita dopo che la colazione di Gabriele decide di prendere una via alternativa a quella naturale! 
Fallito il tentativo del giorno precedente e abbandonata da Luca che va ad arrampicare con i suoi amici, domenica scelgo un itinerario facile facile per testare i nuovi scarponcini di Gabriele. Con noi anche Cinzia, che già ci aveva accompagnati sul Cuarnan.

giovedì 29 marzo 2012

Valcalda? no, monte Rest!

"Tu viodaras tu!!!" (Vedrai tu!!!) 
Claudio, dalla sua postazione sui verdi, mi punta il dito e mi minaccia bonariamente, mentre accanto ad Enrica azzanna il suo pranzo. Rispondo salutandolo e sorridendo mentre seduta sul pendio sopra il sentiero mangiucchio speck e crakers con Luca. Nel mezzo Elena e Giovanni e poco più in là Gigi e Dario, tutti a  riposo sotto i caldi raggi del sole. Indy e Maggie gironzolano tra di noi alla ricerca di prelibate donazioni!
Poche centinaia di metri di sentiero innevato ci separano dalla casera Sopareit: da li, altri quattrocento metri di dislivello ci separano invece dalla cima del Valcalda! Rimangono là entrambi...per oggi abbiamo già dato!