Nessuna preghiera, nessun credo, rendono l'uomo più devoto quanto la solitudine d'un bosco che stormisce al vento, o la libera vicinanza al cielo sulle vette dei monti
Julius Kugy

mercoledì 25 dicembre 2013

Presoldon di Natale

"E se sabato le winxs si riunissero su qualche vetta per gli auguri di Natale?"
Il messaggio di Barbara viene accolto con entusiasmo da tutte, anche se, dato il meteo molto incerto, optiamo per andare in qualche casera. All'inizio l'idea era di raggiungere la Vualt, poi la For, ma alla fine, strada facendo, seguiamo un timido sprazzo d'azzurro nel cielo e puntiamo l'auto verso Verzegnis e la casera Presoldon. Alla guida il fido Enore, che oggi sopporterà stoicamente tutte le nostre chiacchiere!

lunedì 23 dicembre 2013

Inverno

Ci sono date che si segnano sul calendario per esser sicuri di ricordarle, e ci sono date che la natura ci ricorda senza doverle segnare. L'inverno è arrivato e i tanto desiderati cristalli si sono formati e incontrati a formare effimere cattedrali. E da qui arriva il richiamo di antiche sirene che attirano futuri naufraghi.
L'aria frizzante del mattino è calma e pulita, e il canto arriva alle orecchie limpido e festoso, nonostante il cielo grigio che ci opprime. Finalmente la prima uscita stagionale sull'effimero!
Arriviamo in una sonnolenta Sappada alle prime ore di luce e facciamo visita alle colate già formate: dopo aver morso la roccia di Chiaulis finalmente ghiaccio

domenica 15 dicembre 2013

Volaia d'inverno

La meta iniziale per questo sabato era un' altra, più vicina, semplice. Ma le foto dell' uscita di un gruppo al Volaia, furbescamente condivise da Barbara su facebook, hanno l'effetto desiderato: farci cambiare meta all'istante!
Le previsioni sono ottime, il bollettino valanghe idem, il gruppo d'amici c'è, perciò dopo gli ultimi dettagli del venerdì sera, non ci resta che preparare tutto e fissare l'orario di ritrovo a Gemona.
E nemmeno i mattinieri "imprevisti" nella stalla di Barbara ci fermano....al massimo ritardano di una mezz'oretta la partenza! E così via, verso Forni Avoltri e Collina, dove imboccata la stradina imbiancata, raggiungiamo il parcheggio ghiacciato del rifugio Tolazzi.

lunedì 9 dicembre 2013

Amariana 2013

Un altro anno è passato veloce. L'attesa si faceva sentire,e quando arrivano i primi di dicembre  tra gli amici la domanda si ripete, come ogni anno, uguale. "Il vot lino su?" Dove si vuol salire non serve dirlo, basta dire orario e versante. La Madonute ci aspetta.
Quest'anno non sarà epica come l'anno scorso, le previsioni prospettano bel tempo. All'ultimo momento decido per la salita da nord con Raffaele e all'ultimo si aggiunge Stefano, mentre Mauro e un piccolo manipolo saliranno da sud, e Omar salirà dal Plan d'Aiars. Chissà mai se riusciremo a trovarci tutti in cima!
Arriviamo a Illegio alle prime luci dell'alba e alla partenza del sentiero c'è già un po di fermento.
Abbandonare il tepore dell'auto è poco piacevole ma siamo convinti che il movimento ci scalderà anima e corpo e questo ci sprona! Ma lo shock termico si fa comunque sentire!

domenica 1 dicembre 2013

Anello del monte Vas

Mercoledì, infrasettimanale con Barbara e Diana: visto l'infausto bollettino valanghe, optiamo per una meta vicina e tranquilla dal punto di vista nevoso. L'anello del monte Vas!
Ritrovo comodo comodo alle nove a Gemona e poi via, direzione Villa Santina, Lauco, Vinaio, Plugna e la piccola località di Pesmulet, dove parcheggiamo.


sabato 23 novembre 2013

Valinis

Domenica...ultimo giorno di sole prima delle "grandi piogge" previste per la prossima settimana!! Ieri in cima al Curiè si stava benone e la voglia di godere ancora per un po' del bel sole, mi fa organizzare una piccola uscita a portata di Gabriele e dell'amica Cinzia. 
Luca parte presto per Chiaulis mentre noi ce la prendiamo comoda comoda: la meta non è lontana e dopo essere passati a prendere Cinzia, puntiamo l'auto verso Meduno. E' da un bel po' che non salgo al Valinis e non ricordo bene la strada, ma dopo un paio di tentativi azzecco la stradina giusta e raggiungiamo l'agriturismo malga Valinis, dove parcheggiamo. 



mercoledì 20 novembre 2013

Col Curiè

Sabato mattina, Sappada ci accoglie letargica e innevata. Ci fermiamo a bere un caffè nell'unico bar che troviamo aperto e valutiamo cosa fare. L'idea è quella di salire alle Crode dei Longerin dal rifugio forcella Zovo, sopra San Pietro di Cadore, ma dopo aver superato l'abitato di Costalta e percorsa la stretta e un po' dissestata rotabile per un lungo tratto, nei pressi della malga agriturismo Monte Zovo, la strada diventa innevata e decidiamo di parcheggiare. Un pensiero al dislivello che ci aspetta e all'incognita di quanta neve ci sarà lungo il tragitto e passiamo al "piano B". 

giovedì 14 novembre 2013

Molassa...soddisfazioni a bassa quota!

"Quando si va verso un obbiettivo è molto importante prestare attenzione al Cammino. E' il Cammino che ci insegna sempre la maniera migliore di arrivare e ci arricchisce mentre lo percorriamo." Paulo Coelho

A digiuno di montagna da un paio di settimane e con le previsioni meteo ancora incerte per questo fine settimana, organizzo un uscita per mercoledì con Diana. I tempi sono ristretti, c'è Gabriele da ritirare all'asilo, perciò decidiamo per una meta breve e abbastanza vicina: il bivacco Molassa.
Appuntamento alle 8:45 a Dignano con Diana e poi via, direzione Barcis e la località Roppe.

martedì 5 novembre 2013

Impressioni di novembre

Ogni tanto la giornata è bella, quasi perfetta. Il sole, anche se siamo a metà autunno scalda da farti sudare la salita verso la fatica.
Il sentiero per la base del Panettone è sempre un buon riscaldamento, ti porta a temperatura in qualsiasi stagione. Era da un pò che non si arrampicava assieme, e mi precede di poco lungo il sentiero, il bosco è caldo e avvolgente e la parete ci sovrasta, grigia, liscia con qualche screziatura. Sembra un volto antico. Mi sento bene, ho voglia di fare. Di divertirmi.

lunedì 28 ottobre 2013

Turkenkopf

"Ma prima che arrivi l'inverno riusciamo a fare una ferratina?"
"Perchè? In inverno non si può andare lo stesso?"
Con questo prologo accetto l'invito di Stefano e lo invito a fare un giretto esplorativo in una zona che non ho ancora visitato. Visto il fine settimana uggioso e le promesse di bel tempo d'oltre confine, come Nadia prima, anch'io mi indirizzo verso l'Austria Felix. Con me e Stefano ci sono il fido Cesarini e Alessio, che ancora non conosciamo...
Partiamo con la nebbia, a tratti piove e tutto fa presagire il peggio. La Val Canale ci nega le sue cime al nostro passaggio, ma come per magia, oltrepassato il confine, un sole deciso si erge a fermare le italiche brume.
Il cielo blu e terso, l'aria fresca ed asciutta di accolgono in una sonnecchiosa Austria, mentre ne andiamo a scoprire le propaggini più meridionali.
Arriviamo alle porte di Bas Eisenkappel, il comune più meridionale dell'Austria, e scrutiamo oltre il fiume per individuare l'attacco della ferrata, quando un evidente cartello ci indica il parcheggio per il Turkenkopf.

domenica 27 ottobre 2013

Tre Winxs e due cavalieri sul Polinik!

Buio, nebbia e pioggerellina!
Sono le sette di mattina e l'appuntamento con Barbara e Marzia è per le 7:45 a Gemona! Dato l'attuale meteo, parto prima ma arrivo che sono scoccate le otto e tutti sono già li che mi aspettano!!! Infilati zaino e scarponi nel bagagliaio, salgo in auto con Marzia, Barbara, Enore e Renzo... direzione Passo di Monte Croce Carnico... meta il Polinik! Il tempo "muffoso" ci accompagna per tutta la strada, su per i tornanti che portano al passo e poi giù, fino al parcheggio della Plocken Haus, dove lasciamo l'auto. Dal lato austriaco il meteo è migliore, ma la cima del Polinik è avvolta da un bel nuvolone grigio! 

lunedì 21 ottobre 2013

Monte Bruca

Era un bel pò di tempo che quella cengia che si staccava dalla provinciale ci incuriosiva. Passando velocemente in auto non si intuiscono i suoi passaggi nel fitto del bosco, e il suo sviluppo, al di là delle cartine restava per noi un mistero.

sabato 12 ottobre 2013

Dal web... al monte Verzegnis!

Dal web alla realtà. Quante volte mi è già successo? I primi incontri con gli amici blogger di montagna, l'incontro con Linda e Daniele, allora amici di MySpace. E poi tanti amici di MontaganForum e Facebook: Lauretta, Laura e VinicioRosa, Bruno, Basilio, Stefano, Maria, Marzia.....e ora Barbara! (Spero di non avere dimenticato nessuno!)
L'appuntamento è per mercoledì, alle nove a Gemona: d'altra parte "teniamo" figli... bisogna prima mandarli a scuola! Bimbi e mariti a fare il loro dovere, mamme/mogli a divertirsi! Mi par giusto!
Arrivo Al Fungo ed è già li che mi aspetta: c'eravamo viste per pochi minuti, quella volta su da Rosa, ma ora passeremo la giornata assieme e avremo modo di conoscerci meglio! Ma dove andare? Di solito non parto mai senza una meta ben precisa, ma oggi il meteo è molto incerto e dopo avere scartato un paio d'idee, strada facendo adocchiamo la "pulita" cima del Verzegnis! 


domenica 29 settembre 2013

Nabois Grande...alla ricerca del sole!

Non mi piace guardare le previsioni dell'Osmer... sono sempre pessimiste! E questo sabato non è molto diverso, preannunciando meteo in prevalenza nuvoloso! Ma alla fine, una frase cattura la mia attenzione: "oltre i 2000 metri circa, cielo sereno!" Sarà vero? I piani con Marzia e Barbara sono di salire al Nabois Grande, l'avevamo messo in lista per domani già un paio di settimane fa!!
Dopo vari messaggi su facebook e telefonate, Barbara ci abbandona, ma il resto del gruppo ci sarà! Appuntamento in Val Bruna alle 8:30!
Sabato mattina il cielo si presenta scuro e non solo perchè sono solo le 6:30! Passo a prendere Enrica e Diana, anche loro dei nostri oggi, puntiamo l'auto verso Tarvisio e alle 8:05 parcheggiamo nell'ampio spiazzo da dove parte la sterrata per il rifugio Pellarini.


lunedì 23 settembre 2013

Sentiero alpinistico Micheluz

Ogni tanto ho l'impressione che la montagna sappia chi ha davanti, chi la stia salendo e lo accoglie nel modo più appropriato. Proprio come accade nella vita di ogni giorno, quando basta un'occhiata con la propria compagna per intendersi al volo.

domenica 22 settembre 2013

Una giornata da "solitari" sull'Altopiano del Montasio

Doveva essere una solitaria, in un luogo soleggiato e molto frequentato (dati gli ultimi eventi di cronaca nera!). E in parte lo è stata..solitaria la lunga strada attraverso la val Raccolana, solitaria la risalita verso il parcheggio dei piani del Montasio...tanto che mi viene il dubbio di essere la sola quassù oggi!!! Impossibile ,data la bella giornata di oggi! Dopotutto sono le nove di mattina e chi doveva salire in alto è già su...come dimostrano le già tante macchine parcheggiate! 

domenica 15 settembre 2013

Della serie "din don"... monte Cuar!

Ci avevamo provato lo scorso sabato, ma eravamo partiti troppo tardi e c'eravamo accontentati del sempre bello "Troi dal'ors".
Questa volta non ci lasciamo tentare dalle coperte e puntata l'auto verso Trasaghis, passiamo Avasinis e risaliamo la stretta rotabile che porta al Cuel di Forchia, deviando prima di raggiungerla per gli Stavoli Pra di Steppa, dove troviamo l'indicazione per la malga Cuar. La strada è lunga otto chilometri e dovendola percorrere piano per i continui scoli dell'acqua, ci impiegheremo mezz'ora per raggiungerla!
Parcheggiata l'auto nell'unico spiazzo indicato dal cartello, ci prepariamo e poco dopo siamo in cammino, raggiungendo la vicina malga, dove belanti caprette ci danno il benvenuto.


giovedì 5 settembre 2013

Guerra di nuvole e sole su Cima Manera

Il primo mercoledì di settembre è prenotato: Enrica è in ferie e mi chiede di fare qualcosa assieme.
Risolti i casi "pulizie settimanali" e "impegni lavorativi" di Luca, alle sette passo a prendere Enrica e puntiamo verso Piancavallo. Risaliamo i panoramici tornanti e parcheggiamo l'auto dietro il palaghiaccio, da dove partono i sentieri per la Val Sughet.
In questa zona ho fatto davvero poco, solo il Col Cornier, ma alla fine della giornata la mia lista di cime si sarà allungata di un bel po'!!
Partiamo con calma, la giornata è limpida e calda e noi non abbiamo fretta: oggi è d'obbligo l'andamento lento e contemplativo!!!

domenica 1 settembre 2013

Anello dello Jof di Somdogna

Dopo che Silvia, venerdì, mi avverte che causa lavoro, non può tenermi più compagnia sabato, la decisione è presa: salirò da sola allo Jof di Somdogna, già salito in un nebbioso luglio del 2002 con mio fratello e mio cugino.  
Era nella lista delle eventuali "solitarie" ma per scherzo chiedo a Nicholas se mi accompagna: naturalmente la prima risposta è negativa! Seguita però subito da una positiva, quando dico che ci andrò lo stesso, anche da sola! E non c'è verso di farlo desistere! Che tesoro!


mercoledì 28 agosto 2013

Jauken

E dopo l'Anna-Schutzhaus è arrivato il momento di far visita ad un'altro luogo che ci ha fatti innamorare, dopo un lungo corteggiamento e vari ammiccamenti. Lo scorso novembre salimmo alla cima del Torkofel, salendo dalle ultime case di Goldberg. Questa volta recuperiamo la chiave della sbarra e saliamo in auto i nove chilometri di strada e mille metri di dislivello, arrivando direttamente nel cuore dello Jaukenwiesen.

domenica 25 agosto 2013

Lones Kopf

La mattina dopo la giornata si presenta limpida e soleggiata e dopo aver fatto colazione, saldato il conto e salutato Gertrud, lasciamo la Anna-Schutzhutte e ci avviamo verso la nostra meta odierna: il Lones Kopf, la prima delle cime dello Ziethenkamm.


venerdì 23 agosto 2013

Anna Schutzhaus

Ci andammo anni fa con un piccolo Nicholas, e ci siamo tornati con un ancor più piccolo Gabriele: la prima volta ci fermammo per poche ore, ma tanto bastò a farci innamorare di questo angolo di mondo.
Fu costruita dal pittore Franz von Defregger nel 1882 per la moglie Anna, poco sotto la panoramica vetta dell'Ederplan e successivamente passò alla gestione dell'OTK come rifugio alpino.

"Impresa" Avanza

L'Avanza era in attesa da un bel po' di anni...una tentazione dai tempi dei racconti dello zio montanaro che allora, tanti anni fa, me ne aveva descritto la salita! Ero alle prime armi, inesperta, e tutto quello che lui faceva era raccontato come una mega impresa, un' incredibile avventura! Ma gli anni passano e dopo aver ripetuto un bel po' delle sue "imprese", questa domenica è finalmente arrivato anche il turno dell' "impresa" Avanza!
L'Alpinfrut è nell'"Impero" già dalla sera prima e questo ci consente una partenza mattutina per evitare il traffico domenicale su, alle Sorgenti del Piave! Alle otto siamo in cammino e al primo tornante della sterrata che porta al rifugio Calvi, imbocchiamo la traccia che con qualche saliscendi ci porta ad attraversare sotto le pareti del Chiadenis, passando per fortini di guerra, fino ad incrociare il sentiero che sale dal passo Avanza. 



lunedì 19 agosto 2013

Malga Tuglia

IOVOLEVORESTAREACASA!NONVOLEVOVENIREINMONTAGNA
Con queste premesse percorriamo la statale che ci porta a Cima Sappada. Escursione facile, nel fresco del bosco, poco dislivello anche se un pò lunghetta per un bimbo di 4 anni. A fine giornata si sarà fatto undici chilometri e mezzo!
Fortuna vuole che ci "insegua" una famigliola con passeggino... facciamo notare a Gabriele che alla malga fanno salire sul trattore (che quando arriviamo sarà sceso a valle... sfortuna!!!!) solo il bambino che arriva per primo all'alpeggio... 
Gabriele mette il turbo e via! Sgambetta veloce lungo il sentiero, salta, arrampica e poco ci manca che faccia pure le capriole!

sabato 17 agosto 2013

Zacchi, Porticina...e Ponza Piccola!

Il meteo in Austria non è molto bello, così dice internet, perciò cerchiamo una soluzione per non buttare le ferie in attesa di tempi migliori. L'idea di ripassare una notte da Rosa e Gianni allo Zacchi con Gabriele era già nei piani feriali, così, dopo esserci accordati con loro, martedì mattina c'incamminiamo lungo la sterrata con un felice Gabriele: al piccolo evidentemente son piaciute le attenzioni ricevute lassù la scorsa volta!


venerdì 16 agosto 2013

Campanile Luisa

Era da anni che rimandavo questa salita, per quali motivi neanche lo so, sta di fatto che  dalla prima volta che ne lessi e oggi sono passati poco meno di vent'anni. Da una parte la curiosità di una zona sconosciuta, anche se "di casa" e dall'altra l'ammirazione per una figura affascinante dell'alpinismo italiano: Ettore Castiglioni, scrittore e redattore di guide alpinistiche tra i più prolifici, nonchè grande esploratore delle nostre montagne, inseguendo l'idea di un alpinismo che aveva la sua ossatura nella ricerca di una linea estetica che era semplicemente quella che la natura sapeva dare. Mai linee banali o casuali, ma neppure forzature. Prima con Gilberti, poi, alla sua morte con quel Bruno Detassis che diceva che l'alpinismo è salire per la via più facile alla vetta, tutto il resto è acrobazia.
Domenica mattina ci distoglie dai nostri discorsi il cicalino del pericolo ghiaccio! 4° nel bosco, 6° al parcheggio di Costa d'Antola.

mercoledì 14 agosto 2013

Piani B e deviazioni: alla scoperta di nuovi angoli montani

Sabato mattina il meteo sembra molto peggio di quello che avevano previsto. Il cielo coperto e le strisciate che indicano che da qualche parte sta diluviando, fanno saltare il piano iniziale di salire il Nabois grande.
Raggiunta Diana a Gemona, decidiamo il da farsi davanti ad un caffè e alla fine cambiamo itinerario e optiamo per una traversata che avevo adocchiato recentemente, a Cima Sappada.
Il meteo qui sembra tenere più che dalle altre parti e la copertura di nuvole lascia libere anche le cime più alte. Parcheggiato presso la seggiovia del Siera, ci cambiamo, indossando felpetta e giubbotto: fa freddo e il termometro dell'auto segna 17°!!!

Una fruttuosa casera Tintina

Mercoledì, approfittando che Luca è già in ferie e io non lavoro, decidiamo per una passeggiatina a casera Tintina. Un occasione ghiotta sia per Indy, a digiuno di escursioni già da un po', sia per Gabriele che farà incetta di tante e dolci fragoline di bosco! E allora via, verso Ampezzo e i nove chilometri che ci porteranno al Passo Pura, dove troveremo altra gente che ha avuto la stessa idea: fuggire per un paio di ore dalla calura che c'è in pianura!


venerdì 9 agosto 2013

Castellaz?..no, laghi di Colbricon!

La luce che entra dalla finestrella, accompagnata da una leggera e fresca arietta, mi sveglia. Sono le sei e nella camerata accanto già qualcuno si sta preparando. Tanto vale approfittare subito del bagno e rimettere a posto pian piano lo zaino prima di fare colazione. Svegliatasi anche Silvia, scendiamo e facciamo colazione e pagato il conto, salutiamo gli amici e alle 7:50 iniziamo a risalire le roccette dietro al rifugio, passando accanto alla deviazione per il Mulaz, che salutiamo con un ultima foto, mentre una bella e colorata fila di escursionisti già calpesta il suo sentiero.


martedì 6 agosto 2013

Mulaz!!!!!!!

L'appuntamento è con Silvia, alle cinque, a Dignano.
Lei è già li che mi aspetta e mentre i galli iniziano i loro "chicchirichi" mattutini, carico tutto sulla sua auto e puntiamo verso Longarone, Belluno, Agordo e Falcade, dove ci fermiamo a fare colazione con caffè e brioche in una fornita pasticceria! Prendiamo due paste per la merenda e ripartiamo, direzione passo Valles e la Val Venegiota. Sono le 7:50 e un dubbio ci coglie sul pagare o no il parcheggio della malga Venegia: il tachimetro segnala il pagamento dalle 8:00 in poi! Per sicurezza paghiamo, onde evitare multe, dal momento che vi lasceremo l'auto fino a domani. Il ragazzo del parcheggio ci informerà poi che non serviva! Amen, abbiamo "donato" 6 euro all'ente parco.


sabato 3 agosto 2013

Creta di Pricot

Il caldo della settimana si riflette sulla voglia di fare della domenica. Puntare la sveglia alle sei meno dieci non mi alletta, ma abbiamo deciso di sfruttare il fresco... quindi...
A inizio settimana volevo fare qualcosa di sostenuto, ma man mano che si avvicinava domenica la forza mentale calava in maniera proporzionale al caldo. Alla fine decido per la salita della Di Marco-Lomasti. Saita divertente e panoramica, ma non troppo impegnativa.

martedì 30 luglio 2013

Ferrata Simone al Creton dell'Arco

Enrica si prenota come al solito con largo anticipo e sabato mattina è pronta che mi aspetta alle sei di mattina. Caricati zaini e scarponi partiamo alla volta di Sappada e alle 8:10 siamo in cammino sul sentiero 316 dirette al Passo dell'Arco. 

giovedì 18 luglio 2013

Gross Venediger

Pochi ma buoni per questa uscita di gruppo! Siamo in dodici a partire alla volta di Pragraten, da dove prenderemo la navetta per giungere al rifugio alpino austriaco più antico: la Johannishutte. La nostra pilota è Gisela e picchia forte sul pedale dell'acceleratore!
Arrivati allo spiazzo del rifugio ci prova a sparar la un "twenty euros" per il pass andata e ritorno, ma subito la correggo con un eighteen... ..."ja, ja, ok!".
Ci raccapezziamo un pò e iniziamo la salita verso la Defreggerhaus. Il sentiero sale ripido sulla  vecchia morena, sempre in vista della cima del Venediger. Saliamo sgranati, ognuno col suo passo e i suoi pensieri. Il sole picchia nel primo pomeriggio e per fortuna un leggero alito di vento ci accompagna durante la salita.

lunedì 15 luglio 2013

Ritorno a Mimoias

Luca e Alessandro sono sul Grossvenediger questo fine settimana, così io e Ilaria ci organizziamo per una gitarella soft che vada bene sia al suo stato "panzuto" sia al piccolo Gabriele. 
Così domenica puntiamo verso la Val Pesarina e dopo averla percorsa quasi tutta, parcheggiamo all'imbocco della sterrata con segnavia 203 che in circa 45 minuti ci porterà a quello che ricordo come un bel angolino montano, già visitato nel 2007. 

giovedì 11 luglio 2013

In Germùle

Domenica sgambatina verticale con Raffaele, dopo un pò bisogna rifarsi sotto anche con la roccia. Inizio soft con una classica delle nostre montagne: la parete nordovest della Zermùla.
Con noi ci sono anche Cip e Ciop, che saliranno Meledes, mentre noi andremo sulla via della Slavare.
In tanti anni che arrampico non ho mai salito questa linea, e visto che Raffaele preferisce qualcosa di tranquillo per rompere il ghiaccio , cade giusto a fagiolo.
Alla sommità dei ghiaioni ci dividiamo da Cip&Ciop e attacchiamo la parete sotto la grande placca che dà il nome alla via.
La salita è varia e divertente, le difficoltà contenute: c'è tutto lo spazio per divertirsi.

lunedì 8 luglio 2013

Cuestalta, quando rinunciare non è proprio un male!

"No, no, no!"
La vocina nella mia testa continua a ripetermelo, mentre gambe e cuore vorrebbero tentare!
Non c'è nulla da fare: sono giusto un paio di metri, ma proprio non ci riesco! Diana è già giù in forcella, pronta all'attacco della ferrata per il Cuestalta, quando dico ad Enrica di passare, io mi fermo qui. Un paio di metri di cresta in discesa, dove i pali che sostenevano il cavo sono piegati verso l'esterno e assicurarsi risulta pericoloso e impossibile. Il ricordo di come mi sono bloccata con Luca sul Torkofel mi fa desistere prima di ritrovarmi in quella stessa bruttissima situazione. Enrica non vorrebbe lasciarmi da sola, ma insisto perchè, se riesce a passare l'ostacolo, vada almeno a vedere come si presenta la ferrata. Ci mettiamo d'accordo sui segnali da farci e la osservo, mentre scende piano e raggiunge Diana.


domenica 7 luglio 2013

Galitzenklamm

La prima settimana di luglio siamo tutti in ferie!
I progetti ci sono..le intenzioni non mancano!
Ma perchè non farle "alternative" iniziando tutti con una bella gastroenterite consegnataci come un bel "regalo di fine asilo" da parte di Gabriele?
Di certo il riposo non manca! Forzato, ma indispensabile per recuperare quelle minime forze e tentare di salvare qualche giornata di queste meritate ferie!
E così, mercoledì mattina, partiamo alla volta dell'Austria e di Lienz, dove raggiunto Triestach, parcheggiamo e c'incamminiamo lungo il percorso ciclabile che seguendo lo scorrere delle acque del Drau, ci conduce alla foce del Galitzenbach. 

giovedì 27 giugno 2013

Cima Tosa, Canalone Neri

Era da un bel pò che quell'immagine mi girava per la testa, non dico che mi ossessionava, ma era come una sirena: nelle notti tranquille sentivo il suo canto, l'alito freddo che spirava verso valle. Alla fine è arrivato anche il momento di trovarsi l'uno di fronte all'altro.
Salgo al rifugio Brentei con Stefano, e d'un tratto, ad una svolta del sentiero ci si para davanti, imperioso, emergendo dalle brume del pomeriggio.
Un taglio netto e profondo divide Cima Tosa dal Crozzon di Brenta. Quel canalone che prende il nome dall'alpinista solitario che lo salì nel lontano 1929.
 

domenica 23 giugno 2013

Benvenuta in Friuli, Anna!

"Carissimi,
da quest'anno sarò alla guida del Rifugio Chiampizzulon tra le bellezze infinite delle Alpi Carniche.
Vi auguro di cuore una bellissima estate tra i monti.
Con affetto
Anna Mainardi"

Il 23 maggio ricevetti questa mail e ci misi un po' a capire che la Anna che mi scriveva era la minuta e dolce Anna che conoscemmo nel maggio 2011 quando, assieme al marito, gestiva il rifugio G. dal Piaz sulle Vette Feltrine.

giovedì 20 giugno 2013

Rospi, neve e crode silenti

Doveva essere le Crode dei Longerin la meta, ma il tempo instabile, una volta nei pressi di Dignano ci dirotta verso la Val Cimoliana.
"Là ci voglio andare senza nuvole! Voglio godermi il panorama!"
E cosi arriviamo a Ponte Compol e paghiamo il pedaggio: la sbarra di legno si alza e ci apre le porte del regno delle crode più solitarie e selvagge delle nostre montagne. Un luogo che mi da sempre la sensazione di entrare in casa e stare tranquillo tra le mie cose.
Le nuvole già si rincorrono tra le cime mentre arriviamo al parcheggio del rifugio Pordenone.
Il piano B ci vedrà salire lungo la val Monfalcon di Cimoliana e divallare in Val Montanaia: siamo presto, ci prepariamo con calma e iniziamo a salire verso il rifugio.
"Questi due me par de conosserli", con una stretta di mano vigorosa ci saluta Ivan. "Dove andate?" Esposto il nostro piano B ci dice che la discesa dalla Forcella Cimoliana è intasata da due metri di neve: intanto ordiniamo due caffè, poi pensiamo al da farsi.
Quello no, quell'altro no, quest'altro neanche. 
"Hai una corda?" sbotta Ivan, " potresti andare a fare il Micheluz!": La corda non c'è, ma l'idea intriga e la teniamo buona per un'altra volta. Bevuto il caffè optiamo per salire al bivacco Marchi Granzotto per la forca del Leone. Salutati Marika e Ivan li lasciamo ai lavori del rifugio e imbocchiamo il sentiero 349.

mercoledì 19 giugno 2013

Fiori, funghetti e libri lungo la via per la Glazzat

Dai che domani andiamo in montagna! 
Risposta di Gabriele: siiiiii!!!
L'indomani mattina: dai, sveglia, che andiamo in montagna!
Risposta di Gabriele: noooo!!!
E già, il risveglio è duro per tutti, ma alla fine prevale l'idea di una nuova avventura e se poi ci accompagna anche Indy, meglio!
E così, sabato mattina, caricato l'Alpinfrut e il felicissimo Alpindog, partiamo alla volta di Pontebba e sorpassate le case di Studena Alta immerse in rigogliosi prati fiortiti, raggiungiamo la Sella di Cereschiatis, dove parcheggiamo in un ampio spiazzo.
Ci prepariamo e attraversata la strada, iniziamo a risalire lungo la strada asfaltata che serve la malga Glazzat bassa e l'agriturismo di malga Glazzat alta. 

domenica 9 giugno 2013

Un fiorito Schenone!

Un susseguirsi di fine settimana piovosi, di impegni e malanni vari, ci obbliga a pazientare in attesa che, se non la primavera, almeno l'estate si degni di farci visita quest'anno.
E così, dopo un sabato piovoso e nevoso, passato con Enrica su allo Zacchi due settimane fa, questo sabato mi aggrego a Ilaria e Diana, la cui meta è l'anello delle Crete dai Cronz, in Val Aupa.
Ma ahimè gli intoppi non sono finiti e sabato mattina una triste Ilaria m'informa che non potrà essere dei nostri per problemi all'auto! Raggiunta Diana a Gemona, decidiamo il da farsi e siccome Diana non è molto entusiasta del giro programmato, apriamo la cartina  e lo sguardo cade sullo Schenone, la cui cima mi era molto piaciuta e che Diana non ha mai salito.

giovedì 16 maggio 2013

Un mercoledì... di Festa!

Lunedì le previsioni per il fine settimana non sono rosee e il pensiero di passarne un altro senza muoversi mi fa balenare l'idea di fare qualcosina mercoledì, giorno in cui sono casa dal lavoro (solitamente dedicato alle incombenze della casa!) e ultimo giorno bello prima della perturbazione in arrivo!!!!
Diana felicissima risponde subito al mio appello per un po' di compagnia e così mercoledì mattina, dopo esserci date appuntamento a Gemona, puntiamo l'auto verso Interneppo e risalita la strada asfaltata che porta al monte Festa e al monte San Simeone, parcheggiamo nello spiazzo prima del divieto di transito.

sabato 11 maggio 2013

Via Ferrata Ferrante di Ruffano

Domenica di inizio corso alla falesia del Rio degli Uccelli a Pontebba: sole, vento ed un'insolito luccichio sulla parete. Spit? Non ci bado molto, ma dopo qualche ora, durante la pausa noto un cartello che non avevo visto in precedenza: subito dopo una coppia di austriaci, che poc'anzi stava arrampicando, inizia a salire lungo un cavo. La nuova ferrata tracciata dagli alpini dedicata al tenente Ferrante di Ruffano.

giovedì 9 maggio 2013

Doppietta di cime con Orso Bruno!

Dopo averlo messo in programma numerose volte e rimandato altrettante, finalmente arriva il giorno del Veliki Rob! E dopo anni di scambi di messaggi, foto e commenti farò finalmente conoscenza con "Orso Bruno", i cui articoli su Montagna Forum dedicati alle cime slovene, tanto mi hanno intrattenuta e incuriosita!
Fissiamo così l'appuntamento per sabato a Gorizia per le 8:30. Con me ci saranno anche Enrica e Diana.
Ed eccolo finalmente, maglietta e cappellino gialli, come l'avevo visto tante volte in foto! Stretta di mano e via, con la sua auto, direzione Trnovo, su per strette stradine e bucolici paesini, fino poco dopo le case di Krnica, dove parcheggiamo. Indossati scarponi e zaini seguiamo Bruno lungo una sterrata in mezzo agli alberi e poco dopo prendiamo un sentierino che, sbucando fuori all'improvviso, ci porta ad una "casetta belvedere": peccato per la foschia che oggi c'impedirà di ammirare lontano, ma già così è proprio un "bel vedere"! 


mercoledì 1 maggio 2013

Sul San Lorenzo

La prima volta che salii su questa piccola cima fu nella primavera 2008.
Mi lasciò un mix di emozioni dovute alle "due facce" di questo monte: da una parte la pacifica e bucolica posizione dove sorge la chiesetta di San Lorenzo, con il suo prato verde e il panorama su Maniago e pianura... dall' altra, la devastazione dell'enorme cava del cementificio di Fanna!
Come non provar dolore a vedere cotanto scempio!


sabato 27 aprile 2013

Mrzli Vrh 2

Per sabato le previsioni meteo non sono entusiasmanti, ma ad est dovrebbe reggere e almeno non piovere!
Diana già si è prenotata il giorno prima, pronta se ne ho voglia, per fare una bella camminata.
C'è solo da decidere la meta e l'unica che mi viene in mente in quella zona è il Mrzli Vrh, già tentato nel 2010 con un piccolo Alpinfrut nello zaino.
Ritrovo "Al Sole" alle 8:30 e poi via, verso Cividale con la solita guida "sprintosa" di Diana che piomba a tutta velocità in un inaspettato posto di blocco al confine di Stupizza! Porca "paletta", direbbe Ilaria!!!
"Documenti e libretto grazie!"
Dopo i dovuti controlli, il simpatico agente di polizia ci restituisce il tutto e ammonisce Diana che "lui non fa il verbale, ma se corre in questa maniera dall'altra parte glielo fanno di sicuro!" 
Scoppio a ridere e lo ringrazio profusamente per la ramanzina impartita alla mia spericolata autista e mentre lui si allontana sorridendo, una imbarazzata Diana tenta di picchiarmi, ma poi riparte, per mio profondo sollievo, con andamento adeguato ai limiti stradali sloveni.


domenica 21 aprile 2013

Gole di Tolmino e Javorca

Domenica, per inaugurare il nuovo zaino di Gabriele, optiamo per due facili mete in Slovenia: le gole di Tolmino e il santuario di Javorca.
Raggiunta Tolmino, ci destreggiamo tra le strette stradine che portano al parcheggio presso l'ingresso alle gole. Biglietto a metà prezzo in questo periodo, causa lavori di ripristino e manutenzione di alcuni tratti del percorso. 


martedì 16 aprile 2013

Sul Cuarnan, da sola.

Cosa fare quando arrivano solo "no" e il meteo dice "si"?
Quando timori e paure si scontrano con due settimane di "astinenza" montana e con il "famoso" richiamo delle vette?
Si va! Chiudendo bene a chiave tutte quelle "ansie da uomo nero" che possano impedirmi di andare oggi sul Cuarnan in solitaria!