Nessuna preghiera, nessun credo, rendono l'uomo più devoto quanto la solitudine d'un bosco che stormisce al vento, o la libera vicinanza al cielo sulle vette dei monti
Julius Kugy

giovedì 9 maggio 2013

Doppietta di cime con Orso Bruno!

Dopo averlo messo in programma numerose volte e rimandato altrettante, finalmente arriva il giorno del Veliki Rob! E dopo anni di scambi di messaggi, foto e commenti farò finalmente conoscenza con "Orso Bruno", i cui articoli su Montagna Forum dedicati alle cime slovene, tanto mi hanno intrattenuta e incuriosita!
Fissiamo così l'appuntamento per sabato a Gorizia per le 8:30. Con me ci saranno anche Enrica e Diana.
Ed eccolo finalmente, maglietta e cappellino gialli, come l'avevo visto tante volte in foto! Stretta di mano e via, con la sua auto, direzione Trnovo, su per strette stradine e bucolici paesini, fino poco dopo le case di Krnica, dove parcheggiamo. Indossati scarponi e zaini seguiamo Bruno lungo una sterrata in mezzo agli alberi e poco dopo prendiamo un sentierino che, sbucando fuori all'improvviso, ci porta ad una "casetta belvedere": peccato per la foschia che oggi c'impedirà di ammirare lontano, ma già così è proprio un "bel vedere"! 





Ritornati sui nostri passi, ci addentriamo nella verdeggiante faggeta e tra chiacchiere, lievi saliscendi e foto alle bellissime fioriture primaverili, arriviamo in un punto da dove possiamo dare una bella occhiata alla nostra prima meta odierna: il roccioso Veliki Rob!






E in men che non si dica, eccoci in cima, accanto alla bella croce di vetta, ad ammirare il seppur fosco, esteso panorama! Foto di vetta, uno spuntino e decidiamo di proseguire, verso la verde piramide del Kucelj, già salito a gennaio di un anno fa, nella giornata dedicata alle "befane"!




E così via, chiacchierando animatamente, un ora e due chilometri dopo (ci ragguaglia Bruno provvisto di gps), raggiungiamo anche la cima del Kucelj, in tempo per sentire le sirene delle fabbriche sottostanti suonare  il mezzogiorno. 







Ci sediamo e pranziamo accanto alla piccola croce di vetta, dopo aver firmato il libro e fatto il timbro! "Se volete, in 40 minuti arriviamo anche al rifugio" ci dice Bruno e visto che non siamo per nulla stanche si riparte, scendendo il pendio dal lato opposto, dove genziane e genzianelle punteggiano di blu i prati, risalendo poi un bel sentiero alberato fino a sbucare nella bucolica radura che ospita il Koca Antona Bavceria, oggi aperto, dove alcune persone sono già sedute ai tavoli all'esterno. Quattro birre (quattro euro!!!!...grazie Bruno!!!) e una porzione di dolci tortelli di ricotta (grazie Diana!)....squisiti!!!!



Per il rientro scegliamo di seguire la sterrata che ci dovrebbe riportare facilmente di nuovo al parcheggio, ma...ahimè...sarà che non può passare volta senza che ci si perda nella Selva di Tarnova, sarà che forse intrattengo con le mie chiacchiere Bruno proprio mentre oltrepassiamo il bivio giusto, fatto sta che dopo un bel po' che camminiamo, arriviamo ad una casa in località Selovec. Già da un po' Bruno controllava altimetro e traccia sul gps e ora non c'è dubbio....abbiamo sbagliato strada e dobbiamo tornare indietro fino all'ultimo bivio, per fortuna non molto lontano!!! 


Dietrofront e via, di nuovo in cammino, con il cielo che a tratti sembra minacciare pioggia ma dopo un po' ecco che ritorna il sole e finalmente arriviamo giusti al parcheggio! "Siccome non eravate stanche vi ho fatto fare un po' di chilometri in più" sorride Bruno. E alla fine saranno in tutto quasi una ventina! Insomma...nella norma!
Non ci resta che rientrare a Gorizia dove, dopo aver salutato Bruno e fatto un salto di nuovo oltreconfine per fare il pieno, ci incasiniamo con varie deviazioni causa lavori stradali e arriviamo casa che sono le venti!!!
E per una volta ogni tanto..."santo" navigatore!!!
   

10 commenti:

Lorenzo ha detto...

Vi siete persi con Bruno in Slovenia, non se lo perdonerà mai, una macchia sul suo curriculum. Adesso darà la colpa alle birre del rifugio :D

Nadia l'Alpingirl ha detto...

ahahahha...ma no,povero Bruno!In effetti si sta dando giù per nulla, perchè alla fin fine abbiamo tanto di quel parlato che è sicuramente colpa mia se ha mancato il bivio giusto!Figurati che io non ne ho visto nessuno!!!Poi dovresti provare tu con tre donnine che parlano tutto il tempo!!!E' stato di una gentilezza unica!!!Gli abbiamo detto:benvenuto in donneavventura!Ci perdiamo la maggior parte delle volte!!!ahahhaha Ciao Lorenzo!!

Lorenzo ha detto...

Se mi dici così, allora sospetto che abbia tentato di seminarvi nel bosco, non riuscendoci avrà finto di aver sbagliato strada :D

Nadia l'Alpingirl ha detto...

ahahahah....sicuramente! ma in effetti non avevamo camminato poi molto, così lo sbaglio ha compensato!
;)

frivoloamilano ha detto...

2 cime..(due timbri?) 4 birre 8 tortelli e 16 (e oltre)km, una bella progressione geometrica!!!

salutoni ;-)

montagne sottosopra ha detto...

un bell'impegno ...... per Bruno !
:-) ! Qui non è stata rispettata la regola : " non parlare al conducente" !

Nadia l'Alpingirl ha detto...

Ciao Flavio..un timbro solo,quello del Kucelj..sul Veliki Rob niente..ma ho letto che sul vicino Caven c'è!!!casomai se passi da quelle parti ricordatelo!!!quattro birre,in bottiglia e solo una porzione di tortelli,due in tutto ma mooolto buoni!bisogna tornare per mangiarne ancora!!! 19,04km la lunghezza del giro..parola di gps..ahahahah

Ciao Luca..hai ragione!!chissà se vorrà ancora farci d'accompagnatore!!!casomai la prossima volta gli porto un paio di tappi per le orecchie!! ;)

bruno ha detto...

Ogni tanto si può anche chiacchierare un po' di più ma non è per quello che mi è sfuggito il bivio giusto. L'avevo visto ma credevo fosse quello per la variante "bassa" che ci avrebbe riportato al rifugio. Invece bisognava prendere quello e poco dopo c'era il bivio dove dovevamo prendere a destra e in pochi minuti saremmo arrivati al Selovec. Comunque nonostante la frequento abbastanza spesso, sia a piedi che in bici, la Selva di Tarnova è uno di quei posti dove smarrirsi non è per niente difficile. Comunque posso assicurare che la situazione era perfettamente sotto controllo ahahah

Nadia l'Alpingirl ha detto...

Infatti hai visto che non eravamo per nulla preoccupate!! In quanto a perdersi..nella Selva di Tarnova è "un must"!!! e poi figurati che se non era per il navigatore,ero ancora che giravo nei dintorni di Gorizia!!!

bruno ha detto...

Allora è meglio che tu non vada in auto a Milano o Roma e io a piedi in Canado o in Siberia. Forse ci trovano dopo qualche anno che cerchiamo ancora la strada giusta