Nessuna preghiera, nessun credo, rendono l'uomo più devoto quanto la solitudine d'un bosco che stormisce al vento, o la libera vicinanza al cielo sulle vette dei monti
Julius Kugy

giovedì 26 aprile 2018

Su e giù per ferrate sul Grappa

Le ferrate rappresentano quel "mondo sospeso a metà" tra il camminare e l'arrampicare....quel primo approccio verso l'affascinante verticale...
Chi si è iscritto al corso di "Movimento in Ferrata" questo lo sa....
C'è chi ha già fatto qualche esperienza ma vuole migliorare, chi ne è stato attratto, forse proprio perchè affascinato dalla verticalità o, semplicemente, per sfida contro se stessi, per vincere le proprie paure.
E così io, Elena e alcuni Orsi, ci ritroviamo ad accompagnare gli allievi del corso ferrate e i loro istruttori, nella uscita finale di due giorni sul Grappa, in un fine settimana dove il meteo prevede tanto sole!
Sabato mattina arriviamo a Santa Felicita e, parcheggiate le auto, ci avviamo lungo la stradina sterrata che si inoltra nell'omonima valle. Da entrambi i lati, oltre gli alberi, voci ci giungono dalle varie pareti d'arrampicata sparse qua e là lungo la vallata assolata.




La nostra meta, la ferrata di Santa Felicita, la troviamo dopo una trentina di minuti, presso un fresco canyon. La ferrata è una di quelle didattiche, fatta apposta per iniziare i neofiti e dopo un breve controllo delle attrezzature si parte, ripidamente in su con una bella e strapiombante serie di staffe che mette per bene alla prova braccia e resistenza!



Ma saranno le traversate aeree su pioli a testare il coraggio degli allievi... specie di chi è qui per vincere paura e vertigini! E vedere la loro soddisfazione alla fine del percorso è davvero bello!





La percorreremo per ben tre volte, finendo poi con un bel ripasso di manovre di recupero e discesa in doppia!









Dopo aver pernottato in valle, domenica mattina partiamo alla volta del paesino di San Liberale, per percorrere la ferrata Sass Brusai alla Cima Boccaor. La ripida risalita nel bosco che precede l'attacco della ferrata è caratterizzata da molte tappe "recupera fiato" e "ricompattamento gruppo", ma nonostante tutto, arriviamo all'attacco in tempi record!!!




La partenza ci mette subito alla prova con un bel camino verticale che ci "deposita" su uno dei tanti tratti di sentiero erboso che si alterneranno a paretine rocciose, crestine, placchette e torrioni in un lungo percorso panoramico verso l'alto!








Peccato per la foschia che copre la vallata, ma sopra di noi il sole splende e una delicata brezza rinfresca i muscoli affaticati da alcuni ripidi tratti.







Il ponte sospeso sarà l'ennesima prova di coraggio da superare e pure una bella "spaccatura" tra due rocce!










Ma alla fine gli allievi sono tutti entusiasti del percorso e non ci rimane altro che ritornare alla base, percorrendo la lunghissima mulattiera di guerra che ci riporterà alle auto stanchi ma felici!

 




Birra, panino e pure un bel brindisi finale, metterà fine a questa entusiasmante due giorni di fine corso!


Nessun commento: