Nessuna preghiera, nessun credo, rendono l'uomo più devoto quanto la solitudine d'un bosco che stormisce al vento, o la libera vicinanza al cielo sulle vette dei monti
Julius Kugy

domenica 6 luglio 2014

Raggaschlucht!

Mercoledì mattina il cielo è nuvoloso!
Partire... non partire...
Siamo in ferie e le previsioni sull'Austria, a parte giovedì, danno pioggia tutti i giorni!
Rimanere casa vorrebbe dire: pulizie, mangiate nervose e divano.... tanto divano!!! Perciò meglio partire!!!
La pioggia tamburella sul parabrezza lungo la strada e il passo di Monte Croce Carnico è immerso in una nebbia fredda più adatta al periodo autunnale!!! Pranziamo qui e dopo ripartiamo, scendendo verso l' Austria dove un timido sole inizia a farsi forza tra le nuvole! 
E' presto per andare direttamente in albergo e optiamo per fare oggi un giro che avevo previsto come "inframezzo" tra una scarpinata e l'altra: la Ragga Schlucht, una forra dichiarata monumento naturale nel 1978, dove già nel 1882 era stato costruito un percorso per visitarla! 


Puntata l'auto verso Winklern, percorriamo la Mòll tal fino a Flattach, dove parcheggiamo in un ampio spiazzo accanto al fiume Mòll.
Indicazioni ci guidano attraverso le case fino ad un boschetto dove la biglietteria e il negozietto di souvenirs precedono l'ingresso a una forra che si rivelerà incredibilmente selvaggia e suggestiva!












Il piccolo Gabriele ne è talmente impressionato che si lascia spaventare dalla violenza e dal fragore delle sue acque, tanto che si mette a piangere poco dopo l'inizio del percorso! Con il conforto del papà, riusciamo a percorrerla tutta, passando sopra vertiginose passerelle e arditi ponticelli, dove cascate s'infrangono tra le strette pareti del canyon e creano perfino un bellissimo arcobaleno!




Una bella scalinata in legno e siamo fuori dalla forra, dove una stradina sterrata ci ricondurrà al punto di partenza, davvero molto soddisfatti! C'è pure il sole, cosa voler di più?
Ritornati all'auto non ci resta che puntare verso la gasthof che ci ospiterà in questi quattro giorni di ferie in Austria. Il paesino di Sagritz (Dollach) ci accoglie nella verde vallata che porta al Grossglokner, con il suo alto campanile e splendida chiesa. Li vicino il Sagritzer Wirth, la gasthof-pension dove soggiorneremo, bella come descritta su internet (per una volta tanto!!). 





La family room (grande quasi come l'appartamento in cui viviamo!!!) che ci assegneranno ci farà passare tre notti comodi comodi! E per la gioia di Gabriele, c'è pure un John Deere li vicino!!! 
Beh, se questo è l'inizio, possiamo dire che le nostre ferie in Austria sono iniziate proprio bene!!!

4 commenti:

Flavio Molinaro ha detto...

Lo ribadisco anche qui:molto molto bella. Come dici tu perfetta per la mia Marisa ;-)

Nadia l'Alpingirl ha detto...

E questo è solo il primo di tanti bei itinerari in zona!!! Tutti a portata di Marisa! Se andate in ferie da quelle parti, ora saprete cosa visitare!!! Salutoni!!!

Luca De Ronch ha detto...

magari una puntatina la facciamo a dare un cuc !

Nadia l'Alpingirl ha detto...

Andateci Luca, anche la tua Marisa ne sarà felice! :D